Vigilanza Rai, Idv:annuncio istruttoria su Fazio è intimidazione

mercoledì 10 dicembre 2008 14:54
 

ROMA (Reuters) - L'annuncio dell'avvio di un'istruttoria sulla trasmissione Rai di Fabio Fazio 'Che tempo che fa', di cui dovrebbe discutere oggi la Commissione di vigilanza Rai è un "atto d'intimidazione" del presidente del Consiglio. Lo ha detto oggi l'Italia dei Valori.

I due rappresentanti dell'Idv in Commissione, Leoluca Orlando e Pancho Pardi, hanno confermato che in quanto dimissionari non parteciperanno alla riunione odierna e che potranno tornare a sedere all'organo di garanzia soltanto quando essa sarà "ricomposta con altre condizioni", come ha precisato Pardi.

"La notizia della convocazione per adottare provvedimenti verso Fazio è la prova dell'esistenza di un clima di intimidazione in Rai e la conferma che la Vigilanza è stata ridotta ad una dependance della villa di Arcore", ha detto Orlando in una conferenza stampa con riferimento al premier Silvio Berlusconi.

L'annuncio dell'istruttoria nei confronti di Fazio, reso nei giorni scorsi dal presidente della Commissione, Riccardo Villari, viene motivata con la forte presenza di politici, soprattutto dell'opposizione, in una trasmissione che avrebbe invece una matrice di intrattenimento.

"Berlusconi vuole sciogliersi dal vincolo della critica", ha detto Pardi, che ha poi definito "arlecchinesca e da non poter prendere sul serio", la presidenza di Villari della commissione.

Villari, eletto senatore nel Pd, poi espulso dal gruppo, è stato eletto presidente con i voti del solo centrodestra, ma si è rifiutato di dare le dimissioni non appena i due poli hanno trovato un'intesa bipartisan su un altro nome, quello di Sergio Zavoli.

La presidenza della Vigilanza Rai, in quanto organo di garanzia, spetta per consuetudine all'opposizione.

 
<p>Televisori in un'immagine d'archivio. REUTERS/Dylan Martinez</p>