Moda, con la crisi promozioni e sconti anche nell'haute couture

mercoledì 10 dicembre 2008 12:53
 

di Astrid Wendlandt e Marie-Louise Gumuchian

PARIGI/MILANO (Reuters) - In couture, il taglio è di vitale importanza e Marie Dupuis ha scoperto che il concetto è applicabile anche ai prezzi. Grazie a una piccola contrattazione infatti, un abito Jean-Paul Gaultier che aveva adocchiato per la serata di Capodanno è diventato suo con uno sconto del 40%.

"Non avevo mai visto una cosa simile", ha raccontato Marie, 32enne parigina, che è rimasta sorpresa dalla riduzione di 310 euro. "Deve essere a causa della crisi di cui tutti parlano".

La contrattazione 'haute' è solitamente prerogativa dei super-ricchi o delle celebrities che ottengono abiti firmati gratis dalle maison che vogliono farsi pubblicità. Ma con la recessione economica, il lusso a prezzi scontati pare essere diventato accessibile anche a consumatori più ordinari.

Con i margini di profitto sotto pressione a causa degli outlet, che lottano per conquistare una parte del budget dedicato agli acquisti natalizi, la maison Gaultier è solo uno dei tanti brand costosi che si danno alle promozioni.

Da Parigi a Milano, da New York a Londra, una forte ondata di vendite promozionali ha travolto nelle ultime settimane anche i marchi di lusso che però, invece di pubblicizzare gli sconti nelle vetrine -- cosa che rischia di danneggiare la loro reputazione mettendo in dubbio l'equazione "qualità uguale prezzo" -- tendono a sorprendere i clienti con discreti "saldi privati".

Sonia Rykiel, Jean-Paul Gaultier, Jimmy Choo, Prada, Armani, Gucci, Tod's, Dolce & Gabbana, Alexander McQueen, Gianfranco Ferré e Alberta Ferretti fanno offerte e sconti privati, anche se non in tutti i negozi o in tutti i paesi.

Tollerati dalle authority fuori dalle tradizionali stagioni di saldo a gennaio e luglio, i saldi privati sono di solito esclusivamente riservati ai clienti più fedeli, che ricevono un invito via email, e vengono applicati su una piccola selezione di prodotti.

Quest'anno invece, hanno scoperto i giornalisti di Reuters, la gente può acquistare una vasta gamma di prodotti scontati anche senza aver ricevuto l'invito, per esempio da Jean-Paul Gaultier e Jimmy Choo a Parigi e da Prada a Milano.   Continua...

 
<p>Modelle indossano abiti della collezione Dior Primavera/Estate 2009, a Parigi, nel settembre del 2008. REUTERS/Charles Platiau</p>