Media Salles: meno italiani al cinema in 2008, ma sale prestigio

domenica 7 dicembre 2008 11:31
 

MILANO (Reuters) - Meno italiani sono andati al cinema nei primi 10 mesi di quest'anno per effetto della crisi economica, anche se i film "made in Italy" hanno ottenuto maggiore prestigio grazie al successo di "Gomorra" e "Il Divo".

E' quanto emerge da un rapporto di Media Salles, progetto che opera nel contesto del programma Media dell'Unione europea e che monitora la distribuzione cinematografica in Europa.

"L'Italia arriva al periodo delle vacanze natalizie con un lieve calo", scrive in una nota Elisabetta Brunella, segretario generale di Media Salles.

I biglietti venduti nei primi 10 mesi del 2008 mostrano una flessione dell'11% rispetto all'anno precedente, secondo le stime fornite da Paolo Protti, presidente dell'Associazione nazionale esercenti cinema (Anec), che tuttavia si dice "soddisfatto" dei risultati, dopo che il 2007 è stato un anno eccezionale, segnato da un incremento dell'11%.

Decisivi saranno i risultati del periodo novembre-dicembre, con il lancio nelle sale delle classiche commedie all'italiana che attirano il pubblico di massa.

"La vera sfida sarà comunque il 2009 - spiega Brunella - quando vedremo come il cinema reagirà alla crisi finanziaria".

Intanto, sul fronte delle produzioni italiane, dopo l'aumento della quota di mercato al 33% nel 2007 quest'anno si registra una crescita della quota del mercato domestico (alla fine di ottobre un punto percentuale in più rispetto ai precedenti 12 mesi), ma anche visibilità internazionale, grazie al successo di "Gomorra" (1,7 milioni di biglietti venduti in Italia), che ieri ha vinto cinque premi agli European Film Awards e de "il Divo" di Paolo Sorrentino (783.000 biglietti).