Automobilismo, Honda annuncia il ritiro dalla Formula Uno

venerdì 5 dicembre 2008 09:30
 

TOKYO (Reuters) - La Honda si è ritirata oggi dalla Formula Uno, con un passo che rappresenta un duro colpo per lo sport che mette fine a un sogno per la seconda casa produttrice d'auto del Giappone.

In un momento di calo delle vendite di auto a causa della crisi economica globale, Honda non intende più mantenere la sua scuderia di Formula Uno che ha un budget annuale stimato in 500 milioni di dollari.

L'amministratore delegato di Honda Motor Takeo Fukui ha detto nel corso di una conferenza stampa che tornare allo sport potrebbe richiedere del tempo, aggiungendo che non ci sono progetti per rimanere un fornitore di motori.

"questa difficile decisione è stata presa alla luce di un ambiente che si sta rapidamente deteriorando a causa della crisi globale dell'industria automobilistica", ha detto ai giornalisti Fukui.

"La Honda deve proteggere le sue attività core business e mettere al sicuro il lungo periodo mentre continuano a crescere incertezze diffuse nell'economia globale. Ci consulteremo con i partner di Honda Racing F1 e il suo fornitore di motori Honda Racing Development sul futuro delle due società. Questo comprenderà la messa in vendita della scuderia", ha affermato.

Fukui, che nei mesi scorsi aveva detto a Reuters che avrebbe speso "un milione di miliardi di yen" per fare della Honda la scuderia vincente in Formula Uno, ha aggiunto: "Ma a questo punto non abbiamo piani di ritorno in Formula Uno. Non abbiamo in programma di fornire motori ad altri. Non vogliamo essere fuori dallo sport solo a metà".

La Honda avrà poco tempo per trovare un acquirente per la scuderia, visto che la stagione 2009 inizierà in Australia il prossimo 29 marzo.

Mentre i dirigenti di Formula Uno stanno disperatamente cercando misure di taglio dei costi per assicurarne la sopravvivenza, il ritiro della Honda avrà conseguenze serie sullo sport. Lasciando senza posto al momento il pilota britannico Jenson Button, anche se alcune scuderie devono ancora confermare le loro formazioni.

 
<p>Il pilota Honda Jenson Button. REUTERS/Gustau Nacarino</p>