Omicidi famiglia Hudson, polizia accusa cognato dell'attrice

mercoledì 3 dicembre 2008 15:31
 

L'attrice Jennifer Houdson. CHICAGO (Reuters) - La polizia ha accusato l'ex cognato del premio Oscar Jennifer Hudson per l'omicidio della madre, del fratello e del nipotino dell'attrice, affermando oggi di avere prove sufficienti a non lasciare dubbi sulla sua colpevolezza.

"Non puoi mai sapere come una giuria si pronuncerà su un caso ma sono sicuro che le prove ci sono e ho fiducia nel fatto che ci daranno ragione", ha detto il soprintendente della polizia di Chicago Jody Weis.

Le autorità hanno detto di aver trovato l'arma del delitto, prove materiali e testimonianze che incastreranno William Balfour, 27 anni, marito della sorella maggiore di Hudson, Julia.

Tra i motivi che hanno scatenato gli omicidi avvenuti lo scorso 24 ottobre, ha detto la polizia, ci sarebbe stato un litigio tra i due, separati da qualche tempo.

La madre di Hudson, Darnell Donerson, di 57 anni, e il fratello Jason, 29 anni, sono stati trovati uccisi da colpi di pistola nella casa di famiglia del South Side. Il corpicino di Julian King, il figlio di Julia, è stato trovato invece quattro giorni dopo, nei pressi del luogo in cui è stata rinvenuta, lo stesso giorno, la pistola.

Oltre che per gli omicidi, su Balfour pende l'accusa di violazione di domicilio.

Michele Balfour, madre dell'indiziato, ha difeso il figlio sostenendone l'innocenza davanti ai giornalisti, e affermando che la polizia si è fidata delle parole di una sua amica che ha problemi con la giustizia per questioni di droga.

Hudson ha vinto l'Oscar nel 2006 come migliore attrice non protagonista nel film "Dreamgirls", dopo aver esordito nella trasmissione televisiva statunitense "American Idol", dove non fu scelta per la gara finale.

 
<p>L'attrice Jennifer Hudson. REUTERS/Mark Blinch (CANADA)</p>