Boy George accusato di aver picchiato escort: non testimonierà

martedì 2 dicembre 2008 18:45
 

LONDRA (Reuters) - La star del pop Boy George non testimonierà al processo che lo vede imputato con l'accusa di aver ammanettato e picchiato un escort norvegese. Lo ha riferito oggi il suo avvocato al tribunale di Londra che si occupa del caso.

L'ex frontman dei Culture Club, che è stato denunciato con il suo nome reale George O'Dowd, nega di aver reso prigioniero Audun Carlsen nel suo appartamento nell'aprile dello scorso anno, e afferma di aver semplicemente chiamato l'uomo, dopo alcuni scatti pornografici fatti in gennaio, perché sospettava avesse rubato delle immagini dal suo computer.

Carlsen sostiene invece che George lo abbia ammanettato contro un muro e colpito con una catena perché arrabbiato dopo il suo rifiuto a passare la notte con lui la sera in cui si sono incontrati per la prima volta, in gennaio.

Quando il giudice David Radford ha chiesto al legale di O'Dowd, Adrian Waterman, se il suo assistito avesse intenzione di deporre, la risposta è stata "No", secondo quanto riportato dalla Press Association.