Vendite online Usa, analisti: saliranno oggi, ma stagione debole

lunedì 1 dicembre 2008 12:10
 

di Brad Dorfman

CHICAGO (Reuters) - Saliranno oggi le vendite online negli Stati Uniti, con i consumatori che andranno in cerca di migliori affari rispetto a quelli fatti lo scorso fine settimana. Ma a causa della crisi, in generale lo shopping sul web non registrerà grossi numeri.

Lo affermano gli analisti.

Da un sondaggio condotto dall'istituto BigResearch per Shop.org questo fine settimana, è emerso che 84,6 milioni di consumatori intendono fare i loro acquisti da casa o dall'ufficio oggi, rispetto ai 72 milioni dello scorso anno nello stesso periodo.

Finora -- dicono i dati forniti da eBay e Amazon.com -- tra gli articoli maggiormente venduti sul web vi sono iPod di Apple e la console Wii di Nintendo.

"E' stato un novembre molto tranquillo, ma dicembre dovrebbe andare molto meglio", ha detto Sucharita Mulpuru, analista per Forrester, sottolineando che in genere si verifica un picco di vendite in quello che alcuni chiamano "cyber-lunedì", cioè quello dopo il Ringraziamento.

Secondo Mulpuru ci sarà una crescita percentuale a due cifre, anche grazie agli acquisti che si faranno in ufficio, dove gli acquirenti online possono usufruite di connessioni Internet più veloci.

Le vendite online sono salite dell'1% nel cosiddetto "venerdì nero" raggiungendo i 534 milioni di dollari, secondo quanto ha affermato ieri la compagnia comScore, stima che sale al 2% se si considerano gli acquisti fatti il giorno precedente, quello del Thanksgiving. Ma nei primi 28 giorni di novembre -- ha aggiunto comScore -- si è registrato un calo delle vendite del 4% se si confronta il periodo allo stesso dello scorso anno.

L'azienda prevede inoltre che le vendite online per le festività resteranno piatte quest'anno, aggirandosi intorno ai 29 miliardi di dollari, contro una crescita nel 2007 del 19%.

Secondo gli analisti di Forrester, considerando entrambi i mesi di novembre e dicembre, l'aumento di acquisti online in vista delle festività si attesterà rispetto al resto dell'anno al 12%, la crescita più bassa mai registrata.

 
<p>Un navigatore sul Web REUTERS/Alex Grimm</p>