Sanità, decreto anti crisi: sconti del 7% su farmaci generici

giovedì 27 novembre 2008 18:28
 

ROMA (Reuters) - Dal mese di gennaio i prezzi dei farmaci equivalenti saranno ridotti del 7%.

Lo prevede la bozza del decreto legge anti crisi che sarà domani all'esame del Consiglio dei ministri.

In attesa che l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ridetermini entro marzo 2009 il costo dei farmaci equivalenti, "il prezzo al pubblico è ridotto del 7% dal trentesimo giorno successivo a quello della data di entrata in vigore del decreto", prevede la bozza.

"La riduzione non si applica ai medicinali originariamente coperti da brevetto o che abbiano usufruito di licenze derivanti da tale brevetto, nè ai medicinali il cui prezzo sia stato negoziato successivamente al 30 settembre 2008".

Lo stesso articolo prevede che, per contenere la spesa farmaceutica, sia ridotto il tetto alla spesa per l'assistenza farmaceutica territoriale.

"Al fine di conseguire un contenimento della spesa farmaceutica territoriale per un importo pari a 600 milioni di euro per l'anno 2009 e 800 milioni a decorrere dall'anno 2010, l'Aifa provvede a rideterminare entro il 31 marzo i prezzi dei medicinali equivalenti. Conseguentemente, il tetto di spesa per l'assistenza farmaceutica territoriale è rideterminato nella misure del 13,4% per il 2009 e del 13,2% a decorrere dal 2010", dice il decreto.

 
<p>Pillole in un'immagine d'archivio. REUTERS/Michael Caronna</p>