Marte, enormi ghiacciai individuati sotto rocce

venerdì 21 novembre 2008 11:24
 

WASHINGTON (Reuters) - Uno speciale radar a bordo della sonda della Nasa Reconnaissance, in grado di penetrare sotto il suolo, ha individuato su Marte vasti ghiacciai nascosti sotto detriti rocciosi che potrebbero essere le vestigia di distese di ghiaccio che ricoprivano aree del Pianeta Rosso in passato. Lo hanno affermato ieri alcuni scienziati Usa.

I ghiacciai, che rappresentano i più grandi depositi di acqua marziana al di fuori dei Poli, potrebbero risultare utili per le future missioni con astronauti, sia per bere che come carburante per i razzi, spiega il geologo dell'Università del Texas John Holt.

"Se dovessimo stabilire una base lì, sarebbe meglio farlo vicino a una grande fonte d'acqua, perché ci si può fare tutto", dice Holt.

I ghiacciai, che risalgono forse a 200 milioni di anni fa, potrebbero anche custodire frammenti genetici di vita microbica del passato su Marte, come bolle d'aria che potrebbero rivelare la composizione della vecchia atmosfera del pianeta, dice il geologo James Head della Brown University di Providence, Rhode Island.

Il radar della sonda Nasa ha raccolto i dati che confermano la presenza di ghiacciai sepolti che si estendono per decine di chilometri dai picchi delle montagne, e che somigliano da vicino a ghiacciai antartici anch'essi coperti da detriti rocciosi.

In precedenza gli scienziati avevano accertato l'esistenza di ampi depositi di ghiacci nelle regioni polari del nord e del sud, ma centinaia di ghiacciai sepolti sono stati poi individuati a diverse latitudini sul pianeta.

Head dice che lo spessore del ghiaccio scoperto potrebbe essere di circa 500 metri. Uno dei ghiacciai è grande tre volte la superficie di Los Angeles.

Per Holt i ghiacciai potrebbero essere le vestigia di ampie distese ghiacciate che coprivano Marte in passato. Sulla Terra, l'era glaciale più recente è terminata 12mila anni fa: "E la prova di un importante cambiamento climatico su Marte, presumibilmente legato a variazioni orbitali. E' questo quel che causa le maggiori glaciazioni sulla Terra".

 
<p>La vista di una zona rocciosa su Marte. REUTERS/Ernst Hauber/ESA/DLR/Handout (UNITED STATES). FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS.</p>