Musica, Prince citato in giudizio per il profumo "3121"

martedì 18 novembre 2008 10:09
 

NEW YORK (Reuters) - La società di cosmesi Revelations ha citato ieri in giudizio il musicista statunitense Prince chiedendo un risarcimento da 100mila dollari per il mancato impegno a promuovere il profumo "3121", che prende il nome dall'album inciso dall'artista nel 2006.

Secondo la citazione, depositata presso la Corta Suprema dello stato di New York, Prince e la sua casa editrice Universal Music Publishing Group avevano raggiunto un accordo licenziatario nel dicembre 2006 per usare il nome e l'immagine di Prince e il titolo "3121" per due nuovi profumi. Il primo è stato lanciato nel 2007, mentre il secondo è atteso per il 2009.

Secondo l'accordo, Universal avrebbe guadagnato il 50% dei profitti netti delle vendite. In cambio l'etichetta avrebbe garantito la partecipazione di Prince a iniziative di marketing, dice la denuncia.

Ma "dal luglio 2007, nonostante ripetuti tentativi di Revelations non ci sono state di fatto comunicazioni da alcuno che potesse impegnarsi a coordinare impegni promozionali da parte di Prince".

Non è stato possibile per il momento ottenere commenti da parte dei rappresentanti di Prince, che dal 1978 ha realizzato 29 album.

"Anche se non abbiamo visto la citazione, siamo al corrente dei reclami di Revelations, ed essi sono totalmente destituiti di fondamento", ha detto invece in un comunicato Universal Music Publishing Group.

 
<p>Musica, Prince citato in giudizio per il profumo "3121". Nell'immagine la rock star Prince REUTERS/Knut Gielen</p>