Cannabis, maxi-operazione Gdf contro smart drug in tutta Italia

giovedì 13 novembre 2008 13:25
 

MILANO (Reuters) - Perquisizioni e sequestri sono in corso in queste ore in oltre 100 città in una operazione contro la vendita di semi e materiali per la produzione artigianale di marijuana e hashish, che ha portato alla notifica di 62 avvisi di garanzia per istigazione all'uso illecito di sostanze stupefacenti.

Per la prima volta in Italia, la Guardia di Finanza di Ferrara interviene su questo genere di commercio, tollerato vista la mancata inclusione dei semi di cannabis nell'elenco delle sostanze vietate, così come dei macchinari con i quali si estraggono i principi stupefacenti dalle piantine.

Le Fiamme gialle spiegano in una nota di aver superato l'apparente legalità del commercio dei singoli prodotti "tramite una lettura unitaria e prospettica dell'uso illecito cui essi sono inequivocabilmente destinati", fino a qualificarli come "istigazione all'uso illecito di sostanze stupefacenti", per il quale le pene possono arrivare fino a 12 anni di carcere.

Le indagini sono partite dalla denuncia di un genitore, che ha portato al sequestro di semi di canapa contenuti in un distributore automatico piazzato nei pressi di una scuola a Ferrara.

L'inchiesta si è poi estesa in tutta Italia e ha scoperto 19 siti Web dedicati alla vendita di semi e al materiale per la coltivazione e la lavorazione della cannabis, oltre che di 79 negozi e distributori automatici.

L'operazione ha portato a 156 perquisizioni e alla notifica di 62 avvisi di garanzia nei confronti dei gestori dei siti, dei negozi e dei distributori automatici.

 
<p>Una foglia di marijuana. NO RIGHTS CLEARANCES OR PERMISSIONS ARE REQUIRED FOR THIS IMAGE HALTH REUTERS/Laszlo Balogh LB</p>