Salute, sostenitori staminali aspettano il loro "momento Obama"

martedì 11 novembre 2008 11:50
 

WASHINGTON (Reuters) - I sostenitori e i ricercatori delle cellule staminale stanno già aspettando il momento in cui l'anno prossimo il presidente eletto Barack Obama eliminerà la direttiva che limita il finanziamento federale alla ricerca sugli embrioni umani.

La direttiva è stata uno dei principali atti del presidente George W. Bush dopo il suo insediamento nel 2001, e Obama ha in programma di modificarla rapidamente, secondo il co-presidente del suo team di transizione, John Podesta.

Il risultato dovrebbe essere un aumento dei fondi e dell'interesse, spiega David Greenwood di Geron, le cui azioni sono salite di oltre il 10% ieri insieme a quelle di altre società con grossi interessi nel campo.

"Stiamo aspettando quel giorno", ha spiegato Greenwood in una intervista telefonica.

"Alleluia!", gli ha fatto eco il dottor Robert Lanza della Advanced Cell Technology, che sta lottando per trovare finanziamenti.

Nonostante le società private stiano facendo il possibile, il peso dell'Istituto nazionale della salute governativo è vitale affinché il processo vada avanti, secondo gli esperti.

"In questa società abbiamo speso 170 milioni di dollari sulle cellule staminali embrionali", ha aggiunto Greenwood.

I sostenitori spiegano che la ricerca legata alle staminali potrebbe portare a nuovi risultati nella medicina rigenerativa, in cui i pazienti possono avere trapianti e cure contro il morbo di Parkinson, il diabete giovanili, il tumore e un'altra serie di malattie.

Bush è stato in contrasto con il Congresso e i ricercatori sul tema delle staminali embrionali, scoperte nel '98 e considerate le più potenti, ma che hanno sollevato dibattiti sulla loro opportunità di utilizzo e il rispetto della vita umana.   Continua...