Michelle Obama: la mia priorità è fare la "mamma-in-capo"

sabato 1 novembre 2008 15:36
 

di Matthew Bigg

ATLANTA (Reuters) - Se il candidato democratico Barack Obama vincerà le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, la moglie Michelle porterà alla Casa Bianca la sua abilità di avvocato civilista, anche se la signora sostiene che la sua priorità sarà quella di fare la "mamma-in-capo" per le due figlie della coppia.

Obama dovrà vedersela con lo sfidante repubblicano John McCain alle elezioni di martedì prossimo. Se il senatore dell'Illinois vincerà diventerà il primo presidente di colore degli Stati Uniti e sua moglie sarà la prima first lady nera.

Michelle Obama, 44 anni, sostiene con passione la candidatura del marito, ma ha detto di non volere per sé un ruolo diretto nell'amministrazione di Obama.

"Il mio primo lavoro, in tutta onestà, è quello di continuare a essere una 'mamma-in-capo'", ha detto in una recente intervista a una rivista facendo riferimento alle figlie Malia, 10 anni, e Sasha, 7.

Michelle ha detto anche che spera di concentrarsi sulle modalità con cui le donne mantengono il giusto equilibrio tra lavoro e famiglia.

La moglie di Obama, cresciuta in un quartiere operaio nella zona meridionale di Chicago e alunna di una scuola pubblica, ha parlato spesso di suo padre -- che lavorava per l'acquedotto cittadino -- e dei valori che le ha trasmesso la sua famiglia.

Dopo avere vinto borse di studio per l'università di Princeton e la Harvard Law School, entrambe scuole d'élite, Michelle ha lavorato per uno studio legale e nell'ufficio del sindaco di Chicago.

Il suo più recente impiego è stato quello di vice presidente degli ospedali dell'università di Chicago, dove guadagnava più del marito.

 
<p>Michelle Obama, moglie del candidato democratico alla presidenza degli Usa, 24 ottobre 2008. REUTERS/Jay LaPrete</p>