Cina, fornitore di uova si scusa per la melammina

martedì 28 ottobre 2008 11:57
 

HONG KONG (Reuters) - Un fornitore di uova nella Cina nordorientale si è scusato dopo che a Hong Kong dei test hanno trovato elevati livelli di melammina in una partita di prodotti esportati in città, hanno riferito oggi i media locali.

Decine di migliaia di bambini cinesi hanno avuto problemi renali dopo aver consumato latte che era stato mischiato con melammina, un composto industriale che può essere usato per ingannare i test di qualità. Almeno quattro di loro sono morti.

I test hanno trovato la melammina in molti prodotti made in China esportati in tutto il mondo, dal latte alle barrette di cioccolato allo yogurt, inclusi i prodotti derivanti dalle uova della Corea del Sud, e questo ha portato a ritirare gli articoli dagli scaffali dei negozi.

"Ci scusiamo solennemente con i consumatori e i distributori. Dichiariamo che questa compagnia non ha mai acquistato melammina né l'ha mai aggiunta ad alimenti e prodotti", ha detto Han Wei del gruppo Hanwei, fornitore di uova nella provincia di Dalian.

Le parole di Han sono state riportate dalla stazione TVB di Hong Kong.

Han ha detto che la sua compagnia ha scoperto tracce della sostanza chimica nel cibo dei polli in settembre e ha smesso immediatamente di utilizzarlo, ma non ha detto da dove provenisse quel cibo.

E' emerso così che la ciromazina, un derivato della melammina, è ampiamente utilizzata nei pesticidi e nel cibo per gli animali in Cina, e gli esperti dicono che viene assorbita dalle piante come la melammina e che si trova già nella catena alimentare umana.

Nessuno sa in che quantità la melammina venga assorbita da cibi crudi come carne e verdure, anche se test americani sugli animali hanno concluso nel 2007 che il consumo di "carne di maiale, pollo, pesce e uova derivanti da animali inavvertitamente nutriti con cibo contaminato da melammina ... non costituisce un serio pericolo per la salute degli umani".

 
<p>Uova in un mercato a Hong Kong.REUTERS/Bobby Yip (CHINA)</p>