"Easy Virtue", ventata di ironia al Festival del film di Roma

lunedì 27 ottobre 2008 21:51
 

ROMA (Reuters) - "Easy Virtue", un libero adattamento dalla commedia di Noel Coward sull'ipocrisia dell'alta società britannica negli anni Venti, ha portato un po' di spumeggiante umorismo al Festival del film di Roma, dove oggi è stato accolto con lunghi applausi.

Produzione britannica diretta dall'australiano Stephan Elliott, il film racconta la storia di una donna americana amante delle auto e della bella vita, Larita, che sposa il figlio di una famiglia aristocratica britannica.

Quando fanno ritorno nella dimora vittoriana di famiglia, Larita, interpretata da Jessica Biel, entra subito in rotta di collisione con la suocera, interpretata da Kristin Scott Thomas.

Nel cast c'è anche Colin Firth nei panni dell'introverso marito di Scott Thomas ancora sconvolto dagli orrori della Grande guerra.

"Easy Virtue" descrive bene la guerra psicologica tra le due donne sullo sfondo di un'Inghilterra decadente, negli anni immediatamente successivi alla Prima guerra mondiale.

Elliott, che ottenne il consenso della critica nel 1994 con il suo film "Le avventure di Priscilla, regina del deserto", è ritornato all'attività di regista dopo un'assenza durata nove anni dopo un incidente sugli sci in cui ha rischiato di morire.

 
<p>Jessica Biel. REUTERS/Alessandro Bianchi</p>