Satellite Nasa esplorerà limiti estremi del sistema solare

sabato 18 ottobre 2008 16:48
 

WASHINGTON (Reuters) - La Nasa si sta apprestando la lanciare un satellite che studierà nei dettagli in un modo che non ha precedenti le regioni più distanti del sistema solare, dove questo collide con lo spazio interstellare.

Ieri l'agenzia spaziale americana ha detto che l'Interstellar Boundary Explorer, o IBEX, un satellite che si prevede di lanciare in orbita domani, svolgerà una missione di due anni, partendo da una località dell'atollo di Kwajalein nel sud Pacifico.

Mentre lo spazio interstellare viene spesso considerato un vuoto, contiene in realtà tracce di gas e polvere.

Il vento solare, una corrente di gas spinti dall'elettricità in costante movimento dal sole a 1,6 milioni di chilometri orari, soffia contro questa materia interstellare e forma una colossale bolla protettiva attorno al sistema solare, chiamata eliosfera.

Quando il vento solare raggiunge i limiti del sistema solare ben oltre i pianeti, tocca il bordo dell'eliosfera e collide con lo spazio interstellare.

Nasa afferma che l'IBEX traccerà una mappa di questa regione di confine, importante perchè protegge il sistema solare da pericolosi raggi cosmici galattici.

 
<p>Una immagine di Mercurio effettuata da un satellitre della Nasa. REUTERS/NASA/JHUAP/ Arizona State University/Handout (UNITED STATES). FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS.</p>