Calcio, polemiche dopo i saluti fascisti durante Bulgaria-Italia

domenica 12 ottobre 2008 12:27
 

MILANO (Reuters) - Gli azzurri sono stati ragionevolmente contenti del pareggio di ieri per 0-0 contro la Bulgaria nelle qualificazioni per i Mondiali, in un match funestato però da cori fasciti e scaramucce sugli spalti.

Un gruppo di tifosi italiani ha lanciato bottiglie contro quelli bulgari, facendo saluti e cori fascisti e inneggando al Duce.

"Quei tifosi devono essere puniti", ha detto il presidente della Federazione calcistica Giancarlo Abete alla tv Rai. "I biglietti sono venduti con i nomi e quindi possiamo rintracciare ogni singola persona".

Per quanto riguarda la partita, l'allenatore Marcello Lippi ha detto di essere "soddisfatto di come abbiamo giocato".

"Non abbiamo creato molte chances ma non abbiamo nemmeno permesso ai bulgari di sengare. Questa squadra sta crescendo in esperienza in ogni partita".

Gli azzurri sono in testa al Girone 8 con sette punti in tre partite.

 
<p>Tifosi fascisti prima della partita di calcio Bulgaria-Italia, valida per la qualificazione alla Coppa del mondo 2010 a Sofia, 11 ottobre 2008. REUTERS/Oleg Popov</p>