Cenare sospesi in aria, un modo nuovo per riscoprire Milano

giovedì 9 ottobre 2008 17:31
 

MILANO (Reuters) - L'ultima frontiera del gusto? Un aperitivo o una cena con le gambe nel vuoto, sospesi a quasi 50 metri d'altezza per godere di un panorama quanto meno insolito.

Davanti al Castello sforzesco, in pieno centro a Milano, fino al 12 ottobre un tavolo "volante" da 22 persone consentirà a pochi fortunati (i posti sono già tutti esauriti) di bere o mangiare provando l'ebbrezza di osservare la città in modo diverso.

L'iniziativa è di Venute Italia Dmc, con il patrocinio dell'assessorato milanese all'arredo, decoro urbano e verde, che l'ha mutuata da una società belga specializzata in eventi particolari e che già ha realizzato l'idea in varie città nel mondo.

"Da 50 metri d'altezza si può iniziare ad apprezzare una città diversa, ad ammirare dall'alto i parchi, il verde, la storia passata fatta di palazzi storici e l'attuale sviluppo urbano con i cantieri", spiega l'assessore Maurizio Cadeo.

"Non solo una città delle criticità e delle polemiche, ma una città dal volto diverso, in continua evoluzione in vista dell'Expo 2015".

Dopo essere stati sapientemente imbragati su sedie simili a quelle delle montagne russe, ruotabili di 180 gradi, i commensali in due minuti salgono, grazie ad una gru di 120 tonnellate, di 45-50 metri, per iniziare a godersi l'aperitivo o la cena, serviti dai camerieri al centro della piattaforma, lunga 9 metri e larga 5 e magari accompagnati dalla musica di un violoncellista in concerto.

La permanenza "in volo" varia ovviamente a seconda del menù richiesto dai clienti, così come il prezzo, rigorosamente top secret.

 
<p>Un cameriere serve champagne a un ospite sospeo a 50 metri d'altezza in centro a Milano. REUTERS/Stefano Rellandini</p>