La vostra città è sicura? Scopritelo con il "test della bici"

giovedì 9 ottobre 2008 12:29
 

BUENOS AIRES (Reuters) - Quanto è sicura la vostra città? Un editore argentino ha messo a punto la "prova della bicicletta" per misurare il tasso di criminalità nei diversi quartieri di Buenos Aires.

Mariano Pasik, 37 anni, ha piazzato, in diverse zone della città, delle telecamere nascoste e, come esca, biciclette di modesto valore senza lucchetto, e ha filmato quanto tempo passa prima che un ladro le rubi.

La sua ipotesi è che le aree più sicure sono quelle in cui la bici viene lasciata al suo posto più a lungo.

"Non ha valore statistico, ma in un certo modo dimostra che nei luoghi in cui le bici vengono rubate subito, la qualità della vita forse non è molto alta", ha detto Pasik.

Il pubblicitario ha accelerato i filmati, ha messo una musica di sottofondo, e li ha caricati sul sito web www.lapruebadelabicicleta.com. Spera che altri si uniranno al suo progetto non profit per creare un indice di insicurezza a livello mondiale.

Potrebbe diventare un indicatore di criminalità simile al "Big Mac index" -- ha continuato Pasik -- che "misura" il potere d'acquisto delle diverse popolazioni a seconda del costo dello stesso panino della famosa catena di ristorazione nei vari paesi del mondo.

Fondatore dell'agenzia di comunicazione Liebre Amotinada Ideas, Pasik ha definito il suo progetto come un misto tra arte, real tv, giornalismo e intrattenimento, ma non come un'opera di vigilanza cittadina: i visi dei ladri vengono oscurati, e l'autore stesso ha detto di restare scioccato nel leggere i commenti sul suo sito web di chi afferma che questi ladri meriterebbero la pena di morte.

"Ciò che emerge dai video è che questi non sono ladri professionisti, non sono persone uscite di casa con lo scopo di rubare. Sono persone che cadono in tentazione e decidono di commettere un crimine, diventano ladri nel momento in cui decidono di prendere la bici", ha detto, aggiungendo che l'intento del progetto è anche quello di sfatare il mito del ladro armato e senza scrupoli di Buenos Aires, come presentato dai media.