New York, con la crisi economica si va meno al ristorante

martedì 7 ottobre 2008 10:41
 

NEW YORK (Reuters) - Tempi magri per i ristoranti di New York, secondo uno studio diffuso oggi da Zagat, che evidenzia come la gente vada meno fuori a mangiare e spenda meno per fronteggiare le gravi condizioni economiche dell'ultimo periodo.

"I ristoranti si sentono chiaramente fregati dalla crisi economica", spiega Tim Zagat, fondatore della società di ricerca, aggiungendo che l'industria supererà questi tempi difficili, così come fece per la crisi delle borse nel 1987 e gli attentati dell'11 settembre.

La crisi non riguarda solo i commensali, secondo lo studio. Le aperture di ristoranti sono diminuite per la prima volta dal 2003, scendendo a 119 delle 163 dello scorso anno e le 187 di tre anni fa.

Circa il 40% degli oltre 38.000 intervistati hanno detto di affrontare la crisi mangiando meno fuori e andando anche in ristoranti meno costosi.

Tutto questo in un anno in cui Zagat ha registrato un aumento dei prezzi del 3,3%, contro l'1% annuale registrato negli ultimi sei anni.