Scienziati imparano nell'Antartico per future missioni su Marte

venerdì 3 ottobre 2008 10:05
 

SINGAPORE (Reuters) - Nelle profondità dell'inverno antartico, per chi partecipa alle spedizioni della base di ricerca australiana è un po' come andare sulla Luna, o verso Marte.

"Quando sei nell'Antartico sai che non puoi andare via. Non c'è salvezza durante l'inverno. E questo cambia la mentalità di una persona", ha detto Des Lugg, capo della sezione di medicina della Australian antarctic division (Aad) dal 1968 al 2001 e ora consulente della Nasa.

"Non puoi tornare indietro dalla Stazione spaziale internazionale più velocemente di quanto faresti dall'Antartico in pieno inverno", ha aggiunto.

Questo isolamento -- ha continuato -- rende la base antartica australiana perfetta per preparare una missione spaziale a lungo termine.

Dal 1993, la National Aeronautics and Space Administration statunitense e la Aad portano avanti un programma congiunto per lo studio della salute umana in condizioni di isolamento prolungato e di come i piccoli gruppi si adattino a vivere e lavorare per mesi nel posto più freddo della Terra.

La Nasa ha mostrato particolare interesse per i decenni di esperienza della divisione, in cui lavorano medici "super-generici". Alcuni di loro sono stati reclutati nelle zone rurali dell'Australia, dove i dottori sono abituati a dover affrontare situazioni di ogni tipo, da interventi al cervello, a fratture a consigli su problemi mentali.

"Abbiamo seguito una gravidanza nell'Antartico. Fa parte dello spectrum medico con cui abbiamo a che fare", ha detto Ayton.

Medici dall'esperienza così ampia possono essere determinanti in una missione a lungo termine su Marte.

 
<p>La Knox Coast nel territorio dell'Antartico Australiano. REUTERS/Torsten Blackwood/Pool</p>