Sacerdotessa buddista scrive a 86 anni romanzo per telefonini

venerdì 26 settembre 2008 15:46
 

TOKYO (Reuters) - La più famosa sacerdotessa buddista del Giappone sta trovando ora un nuovo pubblico come autrice, scrivendo all'età di 86 anni un romanzo diffuso attraverso i telefonini.

Jakucho Setouchi, prolifica scrittrice e traduttrice del romanzo epico dell'11 secolo "Il racconto di Genji", sta cogliendo l'occasione di una rivoluzione nel campo dell'editoria, piccoli racconti diffusi un pezzo alla volta attraverso i telefonini che spesso diventano poi best-seller in forma di libro.

"A quest'età ci sono poche cose che mi interessano. Ma è stata la prima volta che ho scritto un romanzo per telefonino ed è stato divertente", ha detto Setouchi secondo quanto riferito da un quotidiano locale.

La storia, intitolata "L'arcobaleno di domani" riguarda una studentessa delle superiori duramente provata dal divorzio dei genitori, ma che trova l'amore della sua vita in un ragazzo che si chiama Hikaru.

Sinora, 30 romanzi per telefonini, diffusi per di più come messaggi di testo e letti in genere da ragazze sotto i trent'anni, sono stati poi pubblicati come libri, vendendo in tutto dieci milioni di copie.

Il sito Fragola selvaggia, dove la Setouchi ha iniziato a scrivere il suo ultimo romanzo lo scorso maggio, ha una media di 50.000 utenti quotidiani, dice Shigeru Matsushima di Starts Publishing Corporation.

Anche se ha come target dei giovanissimi, Setouchi ha astutamente inserito dei riferimenti al "Racconto di Genji" nel suo romanzo.

Hikaru è il nome del protagonista e seduttore di "Genji". E Setouchi usa lo pseudonimo di Porpora, preso in prestito dall'autore del Genji, Murasaki Shikibu, che significa "funzionari di porpora".

Setouchi ha deciso di esordire nel nuovo genere dopo esser stata invitata come ospite d'onore a una cerimonia di premiazione per un concorso di romanzi per telefonini.

"Ho sentito molte critiche riguardo ai romanzi per telefonini, che corrompono la lingua giapponese e non sarebbero letteratura. Ma quando li ho letti, ho capito perchè vendono bene. Dunque ho pensato che ne avrei potuto scrivere uno io".

Il suo romanzo è stato ultimato questo mese e sarà pubblicato in forma di libro in questi giorni. Ma sarà l'unico. "Non voglio scrivere altri romanzi per telefonini", ha detto l'autrice al quotidiano.

 
<p>Jakucho Setouchi. REUTERS/Kiyoshi Ota (JAPAN)</p>