Svizzera, il caro estinto diventa un diamante

venerdì 29 agosto 2008 11:01
 

CHUR, Svizzera (Reuters) - Un diamante è davvero per sempre. Algordanza, una piccola azienda con sede nelle montagne della Svizzera sud-orientale, utilizza le ceneri dei defunti per fabbricare diamanti come ricordo permanente dei propri cari.

I prezzi dei gioielli partono dai 5.000 euro, cifra abbordabile non solo dal jet set.

"Alcune persone trovano conforto nell'andare al cimitero per piangere i propri cari, ma ad alcuni questo tipo di addio non piace", afferma il dirigente di Algordanza, Veit Brimer.

La tecnologia per fabbricare diamanti artificiali è stata brevettata da General Electric negli anni Cinquanta, e ricalca il procedimento naturale mettendo il carbonio sotto pressione a temperature elevate.

Il 40% dei clienti di Algordanza viene dal Giappone, dove la cremazione dei cadaveri è più comune vista la scarsa disponibilità di terreno.

Molti preferiscono che il diamante fatto con le ceneri dei loro cari venga incastonato in un gioiello da portare con sè, ma c'è chi ha altre preferenze, come una vedova che porta con sè il diamante fatto con le ceneri del marito nella borsetta. Qualcuno, più fantasioso, ha incastonato il diamante nel tavolo del pub locale.

Per ottenere un diamante del genere sono necessarie dalle tre settimane ai tre mesi, spiega Nesimi Oner, chimico in uno dei laboratori di Algordanza.

Poiché solo il 2% delle ceneri di un cadavere sono costituite da carbonio, che poi deve essere purificato, il diamante più grande offerto da Algordanza è di 1 carato, per il costo di 13.328 euro.

 
<p>I sei stadi di fabbricazione di un diamante commemorativo al laboratorio svizzero di Algordanza REUTERS/Christian Hartmann</p>