Basta corse in autostrada, italiani al volante ora rallentano

martedì 24 giugno 2008 17:59
 

MILANO (Reuters) - Bando allo stereotipo dell'italiano indisciplinato al volante: è acqua passata. Le ricerche rivelano che nella prima metà del 2008 non solo sono (comprensibilmente) diminuiti i consumi di carburante degli italiani, ma si è anche diffuso uno stile di guida più prudente, con diminuzioni significative della velocità in autostrada.

Il mensile di automobilismo Quattroruote rivela che nella prima metà dell'anno i consumi di benzina e gasolio in Italia sono diminuiti rispettivamente del 9 e del 3 per cento, e non solo perché si cerca di usare meno l'automobile, ma perché, spiega il mensile "con la benzina a un euro e mezzo e oltre, tirare le marce è un lusso che molti italiani non si possono più permettere".

Osservazioni che sembrano trovare conferma nei dati raccolti dalla società Autostrade per l'Italia attraverso il sistema "Tutor", che monitora oltre mille chilometri di rete autostradale: "le velocità medie sono scese del 15%, con una flessione anche superiore, del 25%, delle velocità di punta".

Tutta colpa del caro-petrolio, che spinge gli italiani ad un utilizzo "virtuoso" del loro mezzo. Il mensile Quattroruote cavalca l'onda e nel suo numero di luglio dà anche qualche consiglio agli automobilisti risparmiatori, come ad esempio di trasformare la propria auto a metano o Gpl, visto che --secondo la rivista -- "quest'ultimo combustibile dovrebbe mantenere nei prossimi anni prezzi più convenienti, mentre per il gasolio si pronosticano ulteriori forti rincari".

 
<p>Basta corse in autostrada, italiani al volante ora rallentano. REUTERS/Chris Helgren</p>