Letteratura, morto il guru della fantascienza Arthur C. Clarke

mercoledì 19 marzo 2008 08:07
 

Di Simon Gardner

COLOMBO (Reuters) - Lo scrittore visionario, pioniere della fantascienza, Arthur C. Clarke, autore di "2001 Odissea nello spazio", è morto in Sri Lanka, sua terra d'adozione all'età di 90 anni.

La morte è avvenuta per crisi cardio-respiratoria che i dottori legano alla sindrome post-poliomelite che lo aveva relegato da anni su una sedia a rotelle.

Festeggiando in dicembre la sua "90sima orbita attorno al sole", il prolifico autore britannico si era augurato tre cose: che E.T si decida a chiamare, che l'uomo rinunci al petrolio e che lo Sri Lanka ritrovi la pace.

Clarke era nato in Inghilterra il 16 dicembre 1917 e aveva fatto il militare come radarista per la Raf durante la Seconda guerra mondiale.

E' stato uno dei primi a suggerire l'uso di satelliti in orbita attorno alla Terra per le comunicazione e tra le sue previsioni degli anni 40 c'era anche quella che l'uomo sarebbe andato sulla luna entro il 2000 -- un'idea che gli esperti dell'epoca avevano liquidato come spazzatura.

Quando Neil Armstrong vi atterrò nel 1969, gli Stati Uniti dissero che Clarke "aveva fornito la spinta intellettuale necessaria per portarci sulla luna".

Clarke ha scritto circa 100 libri e centinaia di novelle e articoli e voleva essere ricordato come una scrittore. Con un'istruzione di tipo scientifico aveva la fama di basare le sue opere su elementi e teorie scientifiche invece che sulla semplice fantasia e di tenere l'umanità al centro delle sue visioni tecnologiche.

Nel 1964 iniziò a lavorare con il regista Stanley Kubrick alla sceneggiatura di uno dei film più famosi che ha attirato un pubblico ben più vasto degli appassionati di fantascienza -- "2001: Odissea nello spazio".   Continua...

 
<p>Lo scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke nella sua casa a Colombo, nello Sri Lanka. REUTERS/Anuruddha Lokuhapuarachchi</p>