Pechino, ucciso a coltellate parente allenatore pallavolo Usa

sabato 9 agosto 2008 13:07
 

PECHINO (Reuters) - Un familiare dell'allenatore della squadra maschile statunitense di pallavolo è stato ucciso a coltellate e un altro è rimasto ferito oggi a Pechino. Lo annuncia in un comunicato il Comitato olimpico Usa.

"Mentre si trovavano nella Torre del Tamburo, due membri della famiglia (del coach) sono stati accoltellati in quello che le autorità locali di polizia hanno definito come un attacco condotto da un aggressore solitario", dice il comunicato.

"Uno dei familiari è stato ucciso, e l'altro è rimasto seriamente ferito".

Dopo l'episodio, l'aggressore si è suicidato, dice ancora la nota.

In precedenza l'agenzia di stampa cinese Xinhua aveva scritto di un'aggressione a turisti Usa in cui era rimasta ferita anche una guida turistica cinese. L'aggressore, un 47enne, si è poi gettato dal secondo piano della Torre, ha detto l'agenzia, senza indicare i motivi della violenza.