Berlinale: Orso Oro a sorpresa a film Brasile su agenti corrotti

domenica 17 febbraio 2008 10:42
 

BERLINO (Reuters) - L'ultra violento film brasilliano "Tropa De Elite", Squadra d'Elite, ha vinto ieri sera l'Orso d'Oro, il più importante premio del festival del cinema di Berlino, in quella che viene considerata una decisione controversa da parte della giuria.

Il film, che è già un successo in Brasile, racconta storie di corruzione, violenza e omicidi all'interno di una squadra speciale della polizia di Rio de Janeiro che combatte contro i trafficanti di droga nei sobboghi della città.

La pellicola ha diviso i critici, e in Brasile un gruppo di agenti ha chiesto di bloccare il film perché denigrerebbe la polizia.

Alcune recensioni lo descrivono come un potente affresco dei compromessi che la polizia accetta per sopravvivere e poter fare il proprio lavoro, per altri invece glorifica i suoi metodi spesso brutali. Un critico lo ha definito "un film per reclutare criminali fascisti".

Al festival il regista José Padilha ha detto di essersi avvicinato al ciclo della violenza né da destra né da sinistra, e ha aggiunto che legalizzare la droga è l'unica via per uscirne.

Nel film, polizia e signori della droga compiono torture ed esecuzioni, tra cui quella di un adolescente dato alle fiamme vivo dopo essere stato impilato in una serie di copertoni, mentre i ricchi vengono accusati di finanziare il crimine legato alla droga e anche le Ong che lavorano nelle favelas non sfuggono alle critiche.

Tra gli altri film premiati, "Standard Operating Procedure", un documentario del regista Usa Errol Morris sugli abusi contro i prigionieri iracheni da parte di soldati americani nel carcere di Abu Ghraib.

Il riconoscimento per il miglior attore è andato all'iraniano Reza Naji per "The Song of Sparrows" (La canzone dei passeri), mentre la britannica Sally Hawkins è stata indicata come migliore attrice per l'intepretazione di Poppy, un'insegnante britannica dall'ottimismo contagioso nel film "Happy-Go-Lucky", che alla vigilia veniva consierato tra i preferiti per l'Orso d'Oro.

Lo statunitense Paul Thomas Anderson ha vinto l'Orso d'Argento come regista di "There Will Be Blood", altro film considerato alla vigilia come principale candidato alla vittoria.

 
<p>Il produttore Marcos Prado (a sinistra) e il regista Jose Padilha ricevono l'Orso d'Oro al Festival di Berlino petr il film "Tropa de Elite". REUTERS/Hannibal Hanschke (GERMANY)</p>