Usa, comico George Carlin muore a Los Angeles 71 anni

lunedì 23 giugno 2008 09:55
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il comico statunitense George Carlin, famoso per i suoi sketch su droghe e parole "sconce", è morto stanotte di infarto all'ospedale di Los Angeles all'età di 71 anni.

Lo ha detto un suo portavoce.

Carlin, che soffriva da tempo di problemi di cuore e tossico-dipendenza, è deceduto al Saint John's Health Center di Santa Monica dopo esser stato ricoverato nel pomeriggio per dolori al petto, secondo quanto ha riferito a Reuters il portavoce Jeff Abraham.

Noto per i suoi testi irriverenti e provocatori, Carlin si è guadagnato lo status di icona "anti-sistema" negli anni 70, in particolare per lo sketch "Sette parole che non potete mai dire in televisione", al centro di una battaglia legale poi arrivata alla Corte Suprema.

Un uomo sporse denuncia presso la Commissione Federale delle Comunicazioni (Fcc) dopo che suo figlio aveva ascoltato lo sketch alla radio. La radio fu citata in giudizio dalla Fcc per aver violato le regole concernenti l'utilizzazione di linguaggio osceno. Nel 1978, la Corte Suprema degli Stati Uniti dichiarò che le parole di Carlin erano volgari ma non oscene, e che la Fcc avrebbe avuto l'autorità per vietare tali trasmissioni alla radio quando potevano essere all'ascolto dei bambini.

"Non ho nessun credo. Non credo in questo paese. Non credo nella religione, in un dio, non credo in tutte queste idee istituzionali create dall'uomo", aveva detto a Reuters in un'intervista del 2001.

Carlin, autore di diversi libri e attore in molti show televisivi, è sopravvissuto a sua moglie Sally Wade e alla figlia Kelly Carlin McCall.

 
<p>Il comico George Carlin REUTERS/Fred Prouser</p>