Cile, 54 persone tratte in salvo dopo eruzione vulcano

mercoledì 2 gennaio 2008 18:58
 

SANTIAGO DEL CILE (Reuters) - L'esercito cileno ha evacuato oggi 54 turisti e il personale di servizio di un parco naturale dopo la violenta eruzione del più grande vulcano del paese sudamericano.

Non si hanno notizie di feriti o danni, ma decine di turisti sono stati portati in salvo dai piedi del vulcano, nel parco Conguillo, che ha cominciato a eruttare ieri sera.

Le 54 persone soccorse oggi erano rimaste a piedi dopo che un fiume ha rotto gli argini isolando alcune strade. Oltre a 43 visitatori, portati in salvo a bordo di speciali mezzi dell'esercito - impossibile usare gli elicotteri, dato che la visibilità era bassisima a causa dell'eruzione - sono stati soccorsi anche guardiani del parco e alcuni loro familiari.

Il vulcano Llaima, alto 3.125 metri, è uno dei più attivi del Cile: si trova nell'Araucania, nel sud del Cile, a circa 700 chilometri dalla capitale Santiago.

L'eruzione è cominciata alle 22.30 ora italiana di ieri, e per il momento i sismologi non sono in grado di dire quanto durerà.

 
<p>Una immagine dell'eruzione del vulcano cileno Llaima, a circa 850 chilometri a sud di Santiago. REUTERS/Jose Luis Saavedra (CHILE)</p>