Michael Jackson compie 50 anni, ma sembra l'ombra di se stesso

venerdì 29 agosto 2008 20:39
 

LOS ANGELES (Reuters) - Michael Jackson ha compiuto oggi 50 anni, ma è rimasta solo l'ombra della superstar una volta nota come il "Re del pop" e i cui dischi hanno elettrizzato milioni di fan prima che le stranezze della sua vita privata ne offuscassero il successo musicale.

Diversamente da Madonna, che ha festeggiato il suo mezzo secolo di vita con il lancio di un nuovo tour mondiale poche settimane fa, il cantante che sognava di essere Peter Pan sembra non avere in programma feste speciali, mentre il suo ultra propagandato ritorno sulle scene si è risolto in un nulla di fatto.

Semi-recluso dalla celebrazione nel 2005 dello straziante processo che lo vedeva imputato di violenza sessuale, accusa per cui è stato assolto, Jackson ha vissuto negli ultimi mesi lontano dai riflettori.

In un'intervista telefonica con il programma tv di Abc "Good Morning America," Jackson ha detto che il giorno del compleanno "taglierò solo una piccola torta con i miei bambini e guarderemo un po' di cartoni animati", aggiungendo di sentirsi "molto saggio, ma allo stesso tempo molto giovane".

Alcune foto recenti mostrano Jackson a Las Vegas in pantofole e pigiama, mentre in altre sta in una sedia a rotelle e indossa una maschera respiratoria, ma l'amico e avvocato di lunga data della famiglia Jackson Brian Oxman ha detto a Reuters che il cantante qualche volta usa la sedia a rotelle per passare inosservato quando va in giro e che questa è una scelta che "non indica alcun problema di salute".

La casa discografica di Jackson Sony Bmg ha lanciato in tutto il mondo una grande campagna di promozione per il suo 50esimo compleanno e per la sua carriera, iniziata con i suoi fratelli nel quintetto dei Jackson Five quando Michael aveva 11 anni e che ha prodotto l'album "Thriller", tuttora il disco che ha venduto più copie al mondo e uno dei più influenti della storia musicale.

 
<p>La pop star Michael Jackson in un'immagine scattata nel marzo del 2007. REUTERS/Kim Kyung-Hoon (Giappone)</p>