Olimpiadi, Cina non garantirà totale libertà di accessi al web

giovedì 8 maggio 2008 09:32
 

PECHINO (Reuters) - La Cina non garantirà il ritiro della censura sui siti Internet in occasione dei Giochi di Pechino, come non può assicurare che la contraffazione dei prodotti portanti il marchio delle Olimpiadi verrà fermata, hanno detto oggi alcuni funzionari.

Wang Wei, vice presidente dell'unità organizzativa dei Giochi di Pechino, ha promesso "completa libertà" ai media che seguiranno l'evento, ma le associazioni per i diritti hanno criticato lo scarso impegno della Cina per soddisfare tale promessa.

L'uso di Internet ha visto negli ultimi tempi un vero e proprio boom nella nazione più popolosa al mondo, ma il governo cinese continua a mantenere uno stretto controllo sul web, impedendo l'accesso a siti che considera ostili al partito, come quelli del gruppo spirituale messo fuori legge dei Falung Gong o delle associazioni per l'indipendenza del Tibet.

"La Cina è sempre stata molto prudente su ciò che riguarda Internet", ha detto il ministro per la Tecnologia Wan Gang durante una conferenza stampa che ha immediatamente seguito l'arrivo della torcia sulla cima del Monte Everest. "Non ho informazioni precise su quali siti verranno chiusi o criptati. Ma per proteggere i più giovani ci sono dei controlli su alcuni siti web poco salutari". "Garantiremo per quanto possibile" che i siti sulle Olimpiadi non vengano bloccati, ha aggiunto.

Come parte del progetto cinese volto ad avere Olimpiadi 'high tech', saranno ampiamente disponibili servizi wireless per Internet che, secondo la guida distribuita durante la stessa conferenza stampa, assicurerà "la prontezza dell'informazione".

Gli Stati Uniti avevano ribadito la scorsa settimana la loro preoccupazione circa il controllo di Pechino sul web, mentre restano ancora dei dissapori tra i due stati per le violazioni sui diritti di proprietà intellettuale in Cina. A questo riguardo, Pechino ha detto che nonostante l'impegno messo in atto per contrastare la fabbricazione e la vendita di gadget con il marchio olimpico contraffatto, sconfiggere del tutto questo mercato sarà molto difficile.

 
<p>Un internet caf&egrave; a Changzhi, nella provincia cinese di Shanxi. REUTERS/Stringer (CHINA).</p>