Spiagge Bandiere Blu, Toscana e Marche prime in Italia

mercoledì 7 maggio 2008 16:33
 

ROMA (Reuters) - Sono Toscana e Marche le regioni che con 15 Bandiere Blu ottengono quest'anno il primato dei litorali più puliti in Italia, mentre a livello nazionale la certificazione di qualità è stata rilasciata a 104 località balneari contro le 96 dello scorso anno.

La Foundation for Environmental Education (Fee), ong con sede in Danimarca, in collaborazione con il Cobat -- Consorzio Obbligatorio per la Raccolta delle batterie esauste --, ha assegnato oggi ai comuni rivieraschi che maggiormente si sono impegnati nella promozione del turismo sostenibile le Bandiere Blu 2008, che "non sono un premio, ma una certificazione ambientale", spiega durante la cerimonia la ricercatrice dell'Enea, Carla Creo.

Le bandiere blu vengono assegnate in base a dati ambientali, come qualità delle acque di balneazione e smaltimento dei rifiuti, e strutturali, come cura dell'arredo urbano e delle spiagge e accessibilità al mare per tutti i fruitori senza limitazioni, nonché in base all'impegno delle amministrazione in termini di sensibilizzazione ed educazione ambientale.

Per quanto riguarda le spiagge, il primato spetta come nel 2007 alla Toscana, con 15 bandiere -- tra cui Rosignano Marittimo, Follonica e tre località in provincia di Pisa --, quest'anno a pari merito con le Marche, che vede premiate tra le altre Senigallia, Numana e Grottammare. Poco indietro la Liguria, con 14 località, tra cui Bordighera, Chiavari, Lerici e otto litorali in provincia di Savona.

Registrano un trend positivo rispetto allo scorso anno il Veneto, l'Abruzzo e regioni meridionali come Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

E a dispetto dell'emergenza rifiuti che ha colpito la Campania negli ultimi mesi portando a un consistente calo del turismo nella regione, ben undici località campane hanno ottenuto quest'anno la bandiera blu -- due in più rispetto allo scorso anno -- tra cui Massa Lubrense, in provincia di Napoli, e Pisciotta, in provincia di Salerno.

Ma la punta di soddisfazione per Fee Italia e Cobat è l'incremento del numero di bandiere assegnate in tutta la penisola.

"E' un dato importante che quest'anno le bandiere siano aumentate", ha detto durante la cerimonia di premiazione il segretario generale della Fee Italia, Claudio Mazza. "(Ciò dimostra) un'ulteriore crescita di attenzione delle località rivierasche verso le problematiche ambientali".

"A livello del bacino del Mediterraneo, l'Italia si colloca in ottima posizione fra le prime dieci in graduatoria, con il 10% delle spiagge premiate a livello internazionale", dice il comunicato di Fee Italia.

Oltre a 104 località balneari, anche 56 approdi turistici potranno fregiarsi quest'anno del riconoscimento Bandiera Blu. In testa alla classifica delle regioni con più porti "sostenibili" in Italia si trovano Liguria e Friuli Venezia Giulia.

 
<p>Una donna abbraccia il suo cane guardando il mare dalla spiaggia di Maccarese (Roma) in una foto d'archivio. REUTERS/Alessia Pierdomenico AMP/AH/CRB</p>