Udeur, cognato contro Mastella: si dimetta, soldi in beneficenza

giovedì 17 aprile 2008 11:59
 

ROMA (Reuters) - Clemente Mastella dovrebbe dimettersi da segretario nazionale dell'Udeur e i contributi statali di cui gode il partito dovrebbero andare in beneficenza: a dirlo non è uno storico rivale politico dell'ex Guardasigilli, ma il cognato, Pasquale Giuditta, neoeletto sindaco del comune di Summonte (Av) con il Pdl e già membro dell'Udeur.

"Mi auguro che il Consiglio Nazionale dell'Udeur di domani non sia un' ulteriore farsa... Ci aspettiamo dal segretario Clemente Mastella le sue dimissioni e lo scioglimento del partito", ha detto Giuditta in un comunicato.

Secondo Giuditta, Mastella non solo dovrebbe prendere esempio da Enrico Boselli eFausto Bertinotti "che hanno fatto un passo indietro prendendosi le loro responsabilità", ma dovrebbe prendere atto del fatto che l'Udeur "non esiste più e che quanto spettante (al partito), grazie a una legge-forzatura, sia dato in beneficenza nel rispetto di tutti i cittadini".

"Sarà una mia battaglia", continua la nota, "far sì che i fondi spettanti all'Udeur siano dati in beneficenza".

Pasquale Giuditta è sposato con Antonietta Lonardo, sorella della moglie di Mastella, Sandra Lonardo.

 
<p>Clemente Mastella in una foto d'archivio. REUTERS/Tony Gentile</p>