Scienziati studiano dispositivo per la lettura del pensiero

giovedì 6 marzo 2008 12:02
 

WASHINGTON (Reuters) - Attraverso una semplice risonanza magnetica potrebbe essere possibile un giorno vedere ciò che altri pensano.

Lo hanno detto ieri alcuni ricercatori dell'Università di Berkley, California, i quali stanno mettendo a punto un dispositivo che codifica i segnali e l'attività cerebrale trasformandoli in immagini. Secondo i ricercatori, potrebbe essere addirittura possibile in futuro vedere con i propri occhi i sogni di altre persone.

"I nostri risultati suggeriscono che presto potremmo essere in grado di ricostruire l'immagine dell'esperienza visiva di una persona attraverso la sola misurazione della sua attività cerebrale", si legge nel rapporto redatto da Jack Gallant e colleghi e pubblicato sulla rivista Nature.

L'esperimento del team di Gallant è stato condotto attraverso l'uso di un dispositivo chiamato "imaging a risonanza magnetica funzionale" (fMri). In una prima fase, è stato chiesto a due volontari di guardare 1.750 fotografie mentre la macchina fMri "scannerizzava" la loro attività cerebrale. In una seconda fase, due riceratori si sono sottoposti essi stessi all'esperimento e, dopo aver guardato 120 fotografie con la macchina fMri in funzione, hanno cercato di indovinare quale immagine l'altra persona stesse guardando. Le risposte esatte sono state il 92% in un caso e il 72% nell'altro.

Gli scienziati hanno precisato che si è ancora lontani dalla capacità di "guardare" in modo immediato ciò che un'altra persona pensa, ma che tuttavia questo esperimento dimostra che ciò, in linea di principio, è possibile. "Il passo finale sarà la creazione di un dispositivo che riocostruisca le immagini viste dall'osservatore, invece che selezionare le immagini da una serie prestabilita", si legge nel rapporto.