Usa, repubblicano McCain spera che Castro 'incontri presto Marx'

venerdì 22 febbraio 2008 18:31
 

di Jason Szep

INDIANAPOLIS (Reuters) - John McCain, candidato di punta del partito repubblicano per le presidenziali degli Stati Uniti, ha detto oggi di sperare nella morte imminente del leader cubano Fidel Castro e che il futuro capo di stato cubano Raul Castro guiderà il paese ancor peggio del suo predecessore.

"Sperò avrà l'opportunità di incontrare Karl Marx molto presto," ha detto McCain a una platea di 150 persone, riferendosi al filosofo comunista morto il 14 marzo del 1883.

Castro, 81 anni, ha annunciato martedì il suo ritiro dalla carica di presidente e di capo dell'esercito di Cuba dopo 49 anni al potere. Sarà sostituito da suo fratello Raul, che sarà nominato capo di stato la prossima domenica.

"Sembra stia tentando di sistemare suo fratello Raul", ha detto McCain. "Raul è peggio di Fidel sotto molti aspetti".

Castro non appare in pubblico dal luglio 2006, quando ha subito un intervento chirurgico allo stomaco e ceduto provvisoriamente i poteri a suo fratello.

McCain, al quarto mandato come senatore dell'Arizona, ha raggiunto alle primarie un vantaggio quasi insormontabile rispetto al suo rivale Mike Huckabee, ex governatore dell'Arkansas.

L'atteggiamento di McCain riguardo Cuba riflette quello del Presidente Usa George W. Bush, che ha inasprito il decennale embargo e rifiutato di alleggerire le sanzioni, a meno di una svolta in senso democratico dell'isola caraibica.

McCain, gradito all'elettorato cubano-americano conservatore, ha anche detto che, in caso di vittoria alle presidenziali del 4 novembre, manderebbe avanti in modo ancora più deciso la politica di pressione su Cuba, stato monopartitico, per una sua democraticizzazione -- mantenendo anche embargo e sanzioni finanziarie.

Il 71enne senatore dell'Arizona, ex prigioniero di guerra in Vietnam, ha accusato Cuba di aver partecipato alle torture di alcuni dei suoi compagni nelle prigioni di Hanoi durante la guerra del Vietnam.

 
<p>Il repubblicano John McCain. REUTERS/Brent Smith</p>