Medicina, studio: colesterolo "buono" può proteggere memoria

martedì 1 luglio 2008 11:29
 

WASHINGTON (Reuters) - Le persone di mezza età con bassi livelli di colesterolo cosiddetto "buono" potrebbero essere sottoposto a un più alto rischio di perdita delle funzioni mnemoniche, che spesso precede l'Alzheimer o altre forme di demenza, secondo quanto hanno rivelato alcuni ricercatori europei.

Lo studio, che ha coinvolto circa 3.700 britannici, uomini e donne, ha evidenziato che un abbassamento del livello di densità di lipoproteina, la Hdl, è collegato alla perdita di funzioni mnemoniche all'età di 60 anni. Questo declino spesso precede lo sviluppo di disturbi cerebrali, come l'Alzheimer nei più anziani.

Gli esperti prevedono che un crescente numero di persone in tutto il mondo svilupperanno l'Alzheimer nei prossimi decenni a causa dell'invecchiamento della popolazione che caratterizza molti paesi. Gli scienziati stanno dunque cercando di identificare i fattori di rischio che possono comparire prima del manifestarsi della malattia, in modo da poterla prevenire o ritardare.

 
<p>Scienziato del GlaxoSmithKline, Singapore (immagine d'archivio). REUTERS/Luis Enrique Ascui</p>