Europei, spagnolo Torres: stima per gli Azzurri, ma non paura

venerdì 20 giugno 2008 17:24
 

NEUSTIFT, Austria (Reuters) - La Spagna nutre una grande stima per l'Italia, ma la squadra di Louis Aragones non è intimorita al pensiero di incontrare i campioni del mondo nella partita dei quarti di finale degli Europei 2008 che si disputerà domenica prossima a Vienna.

"L'Italia ha vinto gli ultimi Mondiali e questo non è un risultato che si raggiunge per caso", ha detto oggi l'attaccante spagnolo Fernando Torres durante una conferenza stampa.

"E' una squadra che dobbiamo rispettare e dati gli ultimi risultati loro sono i favoriti".

"Ma anche se sono i favoriti sulla carta non abbiamo assolutamente paura di loro. Li abbiamo battuti di recente in un'amichevole e ora abbiamo l'opportunità di fare lo stesso in una gara competitiva", ha aggiunto Torres, riferendosi alla vittoria per 1-0 a Elche lo scorso marzo.

Spagna è stata eccezionale durante i match per le qualificazioni ai quarti, sbaragliando la Russia per 4 -1 nel loro incontro d'esordio agli Europei 2008, battendo poi la Svezia 2-1 e vincendo contro la nazionale greca campione nel 2004 per 2-1.

"La Spagna sta giocando bene, stiamo vincendo con facilità e abbiamo molte alternative", ha continuato Torres. "Ci aspettiamo di avere lunghi possessi di palla contro l'Italia ma dovremo essere pazienti".

"Non sono stati brillanti nelle partite del loro gruppo ma è stato lo stesso ai Mondiali e alla fine hanno vinto", ha detto. "All'interno del girone puoi avere una giornata storta, ma se succede ora si va a casa".

La Spagna, che non ha mai battuto l'Italia nelle maggiori competizioni internazionali al di fuori delle Olimpiadi, si è classificata prima nel gruppo D mentre l'Italia è riuscita a qualificarsi con quattro punti, con alle spalle una bruciante sconfitta per 3-0 contro l'Olanda nella loro prima gara del gruppo C.

 
<p>Spain's national soccer player Fernando Torres listens to a question during a news conference for the Euro 2008 tournament in Neustift im Stubaital near Innsbruck June 20, 2008. REUTERS/Felix Ordonez (AUSTRIA) MOBILE OUT. EDITORIAL USE ONLY</p>