Black list prof ebrei su web, procura Roma apre fascicolo

sabato 9 febbraio 2008 15:05
 

ROMA (Reuters) - La procura di Roma ha aperto un fascicolo, ravvisando per il momento l'ipotesi di reato di violazione della privacy, in relazione al caso della lista nera apparsa su Internet con i nomi di 162 docenti universitari indicati come appartenenti ad una lobby ebraica.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, spiegando che il procuratore Giovanni Ferrara ed i suoi sostituti si sono riservati di valutare la sussistenza delle condizioni per procedere anche per altri reati come la istigazione all'odio razziale, la diffamazione e la calunnia.

L'iniziativa dei magistrati capitolini è nata da una segnalazione arrivata dalla polizia postale.

Il blog italiano "Re" che nei giorni scorsi aveva pubblicato una lista di oltre 100 "professori universitari ebrei" accusati di sostenere "pubblicamente e politicamente" Israele è stato oscurato ieri dopo aver provocato la reazione sdegnata di gruppi antirazzisti e istituzioni.

Il ministro dell'Interno Giuliano Amato aveva chiesto alla polizia postale di disporre un'immediata verifica sui contenuti pubblicati dal sito, ma la società Dol ha deciso di intervenire senza aspettare l'autorità giudiziaria.

La vicenda della "black list" pubblicata dal blog sembra assumere un risalto particolare nei giorni in cui si discute del boicottaggio lanciato da una serie di intellettuali contro la Fiera del Libro di Torino -- che si terrà ai primi di maggio -- dedicata quest'anno ai 60 anni dalla fondazione dello Stato d'Israele. Nel mirino dei sostenitori della protesta, la politica di Israele a Gaza e nei Territori occupati.