Motociclismo, Schumacher non aspira a carriera in MotoGp

giovedì 3 aprile 2008 11:55
 

BRUXELLES (Reuters) - Il campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher non tenterà di replicare i suoi successi automobilistici nel motociclismo, nonostante la quarta posizione guadagnata nella sua prima gara sulle due ruote.

Il pilota tedesco, ritiratosi dalle piste dopo aver conseguito il primato di sette titoli mondiali e 91 vittorie di Gran Premi, ha compiuto il secondo giro più veloce nella corsa Ktm della scorsa domenica nel circuito di Misano, sulla costa adriatica.

"Non ho intenzione di diventare il nuovo Casey Stoner o Valentino Rossi", ha detto Schumacher a Reuters ieri in un intervista. "Non voglio intraprendere una seconda carriera. Se avessi voluto, lo avrei fatto venti anni fa".

L'ex pilota di Formula 1, che ha testato il Ducati MotoGp alla fine del 2006, ha corso lo scorso sabato per il Trofeo Ktm alla guida della Super Duke Ktm 990cc, qualificandosi terzo.

Ma il risultato ha sorpreso anche lui. "Sono rimasto sorpreso, visto che non correvo da sei mesi e non mi sono allenato molto da allora, soprattutto sulle due ruote", ha detto Schumacher da Bruxelles, da dove avvia la campagna mondiale contro le morti sulle strade causate dall'alcol.

"La moto è tutt'altra cosa. Passare dalle due alle quattro ruote non è difficile entro un certo limite, da quel punto in poi iniziano le difficoltà e i pericoli".

 
<p>Michael Schumacher in sella alla sua moto KTM durante la gara a Misano del 30 marzo. REUTERS/Marco Bucco (ITALY)</p>