Brunello, Consorzio esonerato, controlli affidati a esperti Zaia

lunedì 9 giugno 2008 15:48
 

ROMA (Reuters) - Da oggi le attività di controllo sulla produzione del Brunello di Montalcino sono affidate a un Comitato di garanzia istituito dal ministro delle Politiche agricole e forestali Luca Zaia, che ha esonerato il Consorzio di tutela dopo che il mese scorso gli Stati Uniti hanno minacciato di bloccare le importazioni del famoso vino.

"Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia ha tradotto in fatti l'annuncio dei giorni scorsi ed ha istituito, a far data da oggi, un Comitato di garanzia per coordinare e provvedere alle attività di controllo sulla produzione del vino Brunello da Montalcino", dice una nota del ministero.

La magistratura senese ha aperto un'inchiesta su cinque aziende vinicole sospettate di avere prodotto bottiglie "taroccate" del famoso marchio. Le aziende in questione avrebbero violato il disciplinare usando, oltre al sangiovese, altri vitigni non ammessi.

In seguito all'inchiesta, il Dipartimento del Tesoro Usa il mese scorso ha minacciato il blocco delle importazioni di Brunello, la cui produzione finisce per circa un quarto proprio negli Stati Uniti.

Alla fine di maggio il Consorzio dei produttori del Brunello di Montalcino, incaricato di effettuare i controlli per tutelare il marchio, è corso ai ripari decidendo di adottare un metodo di analisi del vino per garantire ai consumatori la composizione del rinomato vino toscano.

Ma per limitare i danni il ministro ha deciso a sua volta di esonerare il Consorzio.

Il Comitato nominato da Zaia - composto da Riccardo Ricci Curbastro, Vasco Boatto e Fulvio Mattivi - avrà il compito di "verificare la piena rispondenza tra Piano dei Controlli e immissione del prodotto al consumo".

"Il ministro Zaia... con questo decreto intende garantire i consumatori di Brunello da Montalcino di tutto il mondo e salvaguardare l'immagine della più nota produzione d'eccellenza nazionale... e auspica che il Comitato di garanzia riporti, nel più breve tempo possibile, certezze e serenità per tutte le componenti interessate al vino Brunello di Montalcino", conclude la nota.

 
<p>Un uomo odora un bicchiere di Brunello di Montalcino nella citt&agrave; toscana dove viene prodotto. REUTERS/Max Rossi/files (ITALY)</p>