August 19, 2008 / 1:30 PM / 9 years ago

Olimpiadi: bronzo nella vela, deludono Cassina e pallavoliste

6 IN. DI LETTURA

<p>Le azzurre della pallavolo dopo la sconfitta contro gli Stati Uniti a PechinoAlexander Demianchuk</p>

PECHINO (Reuters) - La 19esima medaglia italiana è arrivata oggi nella vela, con Diego Romero bronzo nel laser, ma ancora una volta i risultati hanno lasciato l'amaro in bocca agli azzurri, con Igor Cassina, campione olimpico uscente, che nella ginnastica alla sbarra non è salito sul podio per un soffio, mentre le azzurre della pallavolo non sono riuscite ad arrivare in semifinale, sconfitte per 3-2 dagli Usa, crollando al tie break di un incontro che le aveva viste a lungo in testa.

Romero ha conquistato il settimo bronzo italiano vincendo nella specialità laser maschile, dietro al britannico Paul Goodison e allo sloveno Vasilij Zbogar.

Nel pomeriggio gli occhi erano puntati su Cassina - oro ad Atene 2004 - nella finale alla sbarra.

Ma nonostante il buon esercizio, il ginnasta italiano ha ottenuto solo 15,675 punti, battuto dal cinese Zou Kai (con 16,200 punti) che ha vinto l'oro, dall'americano Jonathan Horton (16,175) argento e dal tedesco Fabian Hambuechen (15,875) bronzo.

Ieri nella finale maschile agli anelli, i risultati dei due azzurri in gara, Andrea Coppolino e Matteo Morandi rispettivamente quarto e sesto, avevano fatto molto discutere.

Male anche le ragazze della pallavolo, battute dagli Stati Uniti -- in una partita molto sofferta -- per 2 set a 3. Si chiudono qui dunque per loro i Giochi, mentre gli Usa passano in semifinale, dove inconterenno Cuba.

Bene Gli Italiani Della Vela

Se Romero ha vinto un bronzo nel laser, fanno ben sperare anche i risultati portati a casa oggi dagli altri italiani in gara nella vela.

Josefa Idem si è classificata alla finale del kayak singolo femminile nei 500 metri arrivando prima della sua batteria. Accedono direttamente alla finale nel K2 500 anche Andrea Facchin e Antonio Scaduto, terzi in batteria.

Michele Zerial accede alla semifinale del kayak singolo nei 500 metri, e la coppia Stefania Cicali-Fabiana Sgroi è in semifinale nel kayak 500 metri femminile.

Bene anche il nuoto sincronizzato, con il duo formato da Beatrice Adelizzi e Giulia Lapi che accede alla finale.

Nel windsurf classe Rs:x Alessandra Sensini, pur essendo scesa al secondo posto in classifica dopo la decima regata disputata oggi, domani gareggerà nella Medal Race, con 5 punti in meno della cinese Yin Jian che è tornata in testa.

Nel tennis da tavolo, hanno passato il turno tutti e tre gli italiani in gara: Nikoleta Stefanova, Tan Wenling Monfardini e Mihai Bobocica.

Nei 200 metri donne Vincenza Calì ha superato il primo turno di batteria. Nel giavellotto, invece, Zhara Bani non si è qualificata.

Delusione nel ciclismo, con Angelo Ciccone e Fabio Masotti che sono rimasti fuori dal podio nella finale di Madison uomini, in una gara vinta dagli argentini davanti a spagnoli e russi.

Brutte notizie anche nei tuffi, con Nicola Marconi che resta fuori dalla finale del trampolino da tre metri uomini.

Male anche nel triathlon: Daniel Fontana ed Emilio D'Aquino si sono classificati rispettivamente al 33esimo e al 40esimo posto.

La nazionale femminile di pallanuoto si è invece piazzata sesta nel torneo olimpico, dopo che oggi è stata battuta dalla Cina per 10-7 nella finale valida per il quinto posto.

Incognita Baldini

Oggi Stefano Baldini, medaglia d'oro nella maratona ad Atene 2004, ha detto che potrebbe non essere in grado di correre nella gara di domenica prossima in caso di ricaduta per un infortunio alla coscia.

All'atleta i medici nel weekend hanno ordinato di osservare tre giorni di riposo, dopo aver riportato una distrazione al bicipite femorale della coscia destra in allenamento venerdì scorso.

"Sono fermo da tre giorni e sono giù di morale. Qui mi rimangono quattro allenamenti, e se ho una ricaduta non credo che avrò la possibilità di gareggiare", ha detto Baldini ai giornalisti.

L'atleta 37enne sembra tuttavia orientato a correre: "Sarà la mia ultima presenza in nazionale. La prima fu nel 1991".

Caso Sibello, Coni Ricorre Al Tas

Intanto il Coni ha deciso di ricorrere al Tribunale per l'arbitrato sportivo (Tas) contro la vittoria concessa ai danesi nella gara di vela specialità 49er, che domenica ha visto Gianfranco e Pietro Sibello classificarsi al quarto posto.

Lo ha annunciato il capo missione della squadra italiana, Raffaele Pagnozzi, come si legge in un comunicato sul sito del Coni.

"Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano ha deciso di rivolgersi al Tas per ricorrere contro la decisione dell'Isaf (la federvela internazionale, ndr) che ha omologato la Medal Race della prova dei 49er... Il ricorso verrà presentato domani presso la sede del Tas a Pechino", dice la nota.

Stamattina è stato respinto un secondo ricorso presentato da Spagna e Italia.

"Abbiamo sostenuto la nostra decisione originale", ha detto a Reuters il presidente della giuria, David Tillett. "Non riteniamo di aver fatto errori".

I ricorsi - il primo dei quali respinto ieri, all'indomani della gara - riguardano il fatto che i danesi Jonas Warrer e Martin Kirketerp Ibsen abbiano gareggiato sull'imbarcazione della Croazia dopo che la loro si era rotta.

La giuria ha detto di aver deciso, nonostante siano state violate le regole tecniche, di non imporre penalità perché i danesi non hanno ottenuto il vantaggio in maniera scorretta.

Gli spagnoli Iker Martinez e Xavier Fernandez restano quindi argento, seguiti dall'equipaggio tedesco. Mantengono invece il quarto posto i fratelli Sibello.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below