Caso Maddie, giornali britannici si scusano con genitori bambina

mercoledì 19 marzo 2008 12:54
 

LONDRA (Reuters) - Due tabloid britannici oggi si sono scusati per la prima volta in prima pagina coi genitori di Madeleine McCann, la bimba scomparsa in Portogallo lo scorso maggio, per aver ipotizzato che potessero aver ucciso la figlia.

Il Daily Express e il Daily Star hanno ammesso che le accuse contro Kate e Gerry McCann sono "infondate" e hanno accettato di pagare in tribunale 550.000 sterline (circa 700.000 euro) per averli diffamati.

"Riconosciamo che un certo numero di articoli nel giornale abbiano suggerito che la coppia abbia provocato la morte della figlia scomparsa Madeleine e poi l'abbia nascosta", dice il Daily Express.

"Riconosciamo che non ci sono prove a sostegno di questa teoria e che Kate e Gerry sono assolutamente estranei a qualunque coinvolgimento nella sparizione della figlia".

In un'udienza in tribunale a Londra, l'avvocato della coppia, Adam Tudor, ha detto alla corte che negli articoli c'erano una serie di false accuse, incluso che i McCann avrebbero ucciso la figlia, che l'avrebbero venduta per pagare i debiti o che sarebbero stati coinvolti in uno "scambio di mogli".

Uno degli avvocati dei giornali ha detto alla corte: "(Il gruppo) Express Newspapers si rammarica di avere pubblicato queste accuse estremamente gravi, prive di fondamento".

Anche il Sunday Express e il Daily Star Sunday dovrebbero scusarsi nell'edizione del fine settimana.

 
<p>Il portavoce dei genitori della piccola Madeleine McCann, Clarence Mitchell, fotografato oggi con una copia del Daily Express fuori dall'Alta Corte di Londra. REUTERS/Luke MacGregor (BRITAIN)</p>