Dopo il successo dei Giochi, Cina accende la torcia paraolimpica

giovedì 28 agosto 2008 09:45
 

PECHINO (Reuters) - Quattro giorni dopo la chiusura dei Giochi olimpici, la Cina ha acceso la fiaccola delle Paraolimpiadi 2008, al via il 6 settembre, con una solenne cerimonia nel Tempio del Cielo a Pechino.

Dopo che lo stoppìno, posto su uno specchio concavo, è stato acceso dai raggi del sole, la torcia è stata consegnata al presidente del Comitato organizzatore dei Giochi di Pechino, Liu Qi, da Jin Jing, una 27enne disabile costretta sulla sedia a rotelle e schermitrice paraolimpica, che difendendo strenuamente la fiaccola dai manifestanti filotibetani durante il passaggio a Parigi è diventata un'eroina nazionale.

"I due Giochi splendono allo stesso modo", ha detto Liu nel suo discorso.

Liu ha poi passato la torcia al premier cinese Wen Jiabao, che ha annunciato l'inizio della staffetta, dando inizio a danze tradizionali cinesi eseguite da artisti disabili.

"Questa fiamma simboleggerà nei prossimi dieci giorni lo spirito sportivo unico rappresentato dagli atleti paraolimpici. Questo spirito supera molti ostacoli nella ricerca dell'eccellenza sportiva", ha detto Philip Craven, presidente del Comitato paraolimpico internazionale.

Domani la torcia viaggerà fino all'antica capitale Xian, ora moderno capoluogo della provincia nordoccidentale dello Shaanxi, prima di essere portata sabato nel polo industriale meridionale di Shenzhen, nella provincia costiera di Guangzhou.

I Giochi paraolimpici si svolgeranno a Pechino dal 6 al 17 settembre.

 
<p>Una immagine della cerimonia di apertura delle Paraolimpiadi a Pechino. REUTERS/Jason Lee (CHINA)</p>