Innalzamento oceano non è dovuto allo scioglimento dei ghiacci

lunedì 18 febbraio 2008 11:29
 

Di Michael Byrnes

SYDNEY (Reuters) - L'innalzamento del livello del mare nel Circolo polare antartico verificatosi nell'ultimo decennio sarebbe dovuto al riscaldamento delle acque e non allo scioglimento dei ghiacci.

Lo riferisce uno scienziato australiano alla guida di uno dei più importanti programmi di ricerca sul cambiamento climatico terrestre.

Lo studio, effettuato sui cambiamenti di temperatura e di salinità negli oceani dell'emisfero australe, ha rilevato un aumento della temperatura media di 3 decimi di grado Celsius, mentre i satelliti misurano un aumento di 2 centimetri nei mari della regione antartica, ha detto a Reuters Steve Rintoul, capo progetto in Australia del programma scientifico condotto da Australia, Francia e Stati Uniti.

"Il più grande contributo all'innalzamento del livello dei mari è venuto dal riscaldamento degli oceani e dalla loro espansione", ha detto Rintoul. Lo scioglimento dei ghiacci o le lastre di ghiaccio dell'Antartico che si gettano sull'oceano contribuirebbero quindi in modo solo indiretto.

Lo studio ha misurato temperatura e salinità per 15 anni a 700 metri di profondità nel tratto di 2.700 chilometri tra Hobart (Tasmania) e l'Antartico. Si tratta della ricerca più lunga in durata e continuità sul cambiamento climatico globale.

"Survostral ci ha permesso di capire come i mari di questa regione così inospitale e di difficile accesso controllino il clima globale" ha detto Rintoul.

Rintoul riferisce inoltre che l'innalzamento del livello dei mari non è uniforme e che non si può determinare se aumenterà in modo costante in futuro.

L'assorbimento di anidride carbonica varia a seconda delle stagioni. In estate, un aumento di fitoplancton dovuto a maggiore luce nell'oceano meridionale determina un maggiore assorbimento di anidride carbonica dall'atmosfera rispetto ai mesi più freddi, ha detto Rintoul.   Continua...

 
<p>Un'immagine dei banchi di gjiaccio sulla Knox Coast che ritirandosi lasciano intravedere il terreno delle isole Windmill nel territorio antartico australiano. REUTERS/Torsten Blackwood/Pool (ANTARCTICA)</p>