Papa ricorda cristiani perseguitati nel mondo: martiri moderni

mercoledì 26 dicembre 2007 14:05
 

CITTA' DEL VATICANO (Reuters) - Il Papa ha voluto ricordare nel giorno di Santo Stefano che in alcune parti del mondo anche oggi continua il martirio cristiano.

"Non di rado anche oggi giungono notizie da varie parti del mondo di missionari, sacerdoti, vescovi, religiosi, religiose e fedeli laici perseguitati, imprigionati, torturati, privati della libertà o impediti nell'esercitarla perché discepoli di Cristo e apostoli del Vangelo", ha detto Benedetto prima dell'Angelus ai fedeli raccolti in Piazza San Pietro.

Il Pontefice ha aggiunto che "il martire cristiano attualizza la vittoria dell'amore sull'odio e sulla morte", nel giorno in cui la Chiesa ricorda il suo primo martire, e ha sottolineato la "caratteristica distintiva del martirio cristiano: esso è esclusivamente un atto d'amore, verso Dio e verso gli uomini, compresi i persecutori".

 
<p>Il Papa durante la celebrazione della messa di Santo Stefano in Piazza San Pietro. REUTERS/Alessandro Bianchi</p>