Vino, cantine guardano sempre più a Rete con e-commerce e blog

giovedì 3 gennaio 2008 11:50
 

ROMA (Reuters) - Anche il mondo del vino sembra essersi reso conto dell'importanza di Internet, e crescono contatti con consumatori ed enoappassionati e e-commerce.

E' quanto emerge dalla settima edizione di "Cantine in web", l'analisi realizzata da www.winenews.it, uno dei siti di riferimento degli enoappassionati italiani.

"Navigando tra oltre 2500 indirizzi di aziende vitivinicole, si notano evidenti segnali di miglioramento, anche se la strada da percorrere è ancora lunga, soprattutto se si considera che il vino rappresenta a livello mondiale uno dei maggiori ambasciatori del 'made in Italy'", dice in una nota www.winenews.it.

Emerge che i siti delle cantine sono migliorati "sia dal punto di vista della grafica che dei contenuti; i produttori utilizzano sempre più strumenti come blog, forum e newsletter per attivare un canale privilegiato con gli enoappassionati; si diffonde l'uso dei video".

Non solo: cresce soprattutto fra le piccole imprese l'e-commerce, praticato dal 5% delle cantine: "E' ancora un dato molto basso, ma è più che raddoppiato sul 2006 il numero di aziende che vende i propri prodotti direttamente sul sito".

Quest'anno i 12 migliori siti, secondo www.winenews.it., sono Santa Margherita (www.santamargherita.it), Planeta (www.planeta.it), Donnafugata (www.donnafugata.it), Tasca d'Almerita (www.tascadalmerita.it), Arnaldo Caprai (www.arnaldocaprai.com), Corvo (www.vinicorvo.it), Duca di Salaparuta (www.duca.it) e Cantine Florio (www.cantineflorio.it), considerati come sito unico perché di proprietà del gruppo Ilva di Saronno, Bastianich (www.bastianich.com), Mionetto (www.mionetto.com), Josko Gravner (www.gravner.it), Feudi di San Gregorio (www.feudi.it), Lungarotti (www.lungarotti.it) e Cavit (www.cavit.it).

 
<p>Immagine di bottiglie di vino virtuali in un servizio di assaggio di una cantina su Internet. REUTERS/Suzanne Miller</p>