Olimpiadi, sei province cinesi dovranno ridurre inquinamento

venerdì 22 febbraio 2008 11:43
 

PECHINO (Reuters) - Il governo cinese ha ordinato a Pechino e ad altre cinque province della zona di ridurre l'inquinamento provocato dalle industrie, per due mesi dalla fine di luglio, per garantire una migliore qualità dell'aria in vista dei Giochi olimpici e delle Paraolimpiadi.

La capitale cinese e la vicina municipalità di Tianjin come del resto le province di Hebei, Mongolia centrale, Shanxi e Shandong dovranno ridurre le emissioni di gas serra in base a un piano approvato dal governo cinese lo scorso settembre.

"La qualità dell'aria di Pechino risente delle vicine province e ... per garantire la qualità dell'aria abbiamo steso un piano", ha spiegato a Reuters in un'intervista Wang Jian, direttore della divisione per il Controllo dell'aria e del rumore dell'Agenzia di Stato per la tutela dell'ambiente (Sepa).

Nonostante siano stati investiti 120 miliardi di yuan (ovvero 16,80 miliardi di dollari) per migliorare la situazione dell'ambiente negli ultimi dieci anni, l'inquinamento rappresenta uno dei problemi che più preoccupano gli organizzatori dei Giochi olimpici e gli atleti. Le Olimpiadi 2008 di Pechino si terranno dall'8 al 24 agosto.

 
<p>Auto nel traffico a Pechino. REUTERS/Reinhard Krause/Files</p>