2 dicembre 2007 / 09:47 / 10 anni fa

Aids, in Usa stime dei casi di infezione salgono del 50% - media

<p>La polizia disperde i partecipanti a una manifestazione sull'Aids davanti alla Casa Bianca a Washington.Kevin Lamarque</p>

WASHINGTON (Reuters) - Il governo statunitense sta alzando le stime riguardanti il numero di americani affetti dal virus dell'Hiv del 50%, secondo quanto pubblicato oggi dai giornali.

Il Cdc (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie), organismo federale, ora ritiene che il numero di nuove infezioni ogni anno sia tra 55.000 e 60.000, rispetto ai 40.000 del decennio passato, scrive il Washington Post.

Il Post cita due persone in contatto con gli scienziati che preparano le nuove stime, e dice che le cifre più alte si basano su dati di 19 Stati e grandi città.

Il Cdc non ha ancora reso pubbliche le stime.

Anche il Wall Street Journal scrive che è attesa una revisione al rialzo da parte dell'organismo, citando ricercatori e funzionari del settore anonimi.

Il Journal dice che Robert Janssen, direttore della Divisione Prevenzione Hiv/Aids del Cdc, non ha voluto rilasciare commenti sulle nuove stime, dicendo che possono cambiare.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below