Filippine, i poveri riciclano cibo dai rifiuti per sopravvivere

mercoledì 30 aprile 2008 12:01
 

MANILA (Reuters) - Lo chiamano "pagpag" riferendosi generalmente al cibo riciclato: chi cerca tra i rifiuti nella impoverita area di Tondo, a Manila, non mira più solo a trovare oggetti riutilizzabili, ma cerca sempre più alimenti per nutrire le proprie famiglie.

"Molti di coloro che scavano tra i rifiuti riciclano il cibo che trovano nella spazzatura e lo vendono. E' una pratica comune qui", ha detto Amy Ignacio, un'abitante di Tondo che raccoglie i resti di un ristorante fast-food da sei anni.

Convinta che sia uno spreco buttare i resti del pollo che ancora hanno della carne attaccata, Amy li ricucina per preparare il pagpag che alimenta i suoi bambini.

"Con la vita che facciamo, questo aiuta tanto", ha detto Ignacio, aggiungendo che nessuno dei suoi tre figli si è mai ammalato a causa del cibo riciclato e che quando ne avanza un po' lo regala ai vicini.

A Tondo migliaia di famiglie come quelle di Ignacio vivono tra i cumuli di sacchetti di immondizia trasportati dalle discariche vicine.

La maggior parte della popolazione dell'area guadagna meno di 200 pesos (5 dollari) al giorno e sopravvive grazie alla conservazione e la vendita di materiali riciclabili come plastica e gommapiuma, mentre l'inflazione divora i bassi redditi delle famiglie che a volte possono permettersi solo un po' di riso al giorno.

Il dilagare della pratica del pagpag preoccupa le autorità per i problemi di salute che potrebbe causare. La Commissione Nazionale Anti-Povertà (Napc) avverte che assumere cibo riciclato potrebbe compromettere seriamente la nutrizione dei bambini facendoli ammalare in futuro, e ha suggerito alle famiglie bisognose di fare piuttosto domanda per sussidi monetari per l'acquisto di alimenti.

Anche il direttore della cooperativa Eco-Aid, che riunisce i riciclatori dell'area di Tondo, cerca di frenare il fenomeno proibendo ai consociati di mangiare o vendere il cibo trovato tra i rifiuti e definendo questa pratica "disumana".

Nelle Filippine, tre persone su dieci vivono sotto la soglia di povertà, stabilita dagli organi governativi a 149 dollari al mese per una famiglia di cinque persone.

 
<p>Immagine d'archivio di persone che cercano tra i rifiuti di una discarica di Manila. REUTERS/Romeo Ranoco (PHILIPPINES)</p>