29 maggio 2008 / 10:49 / 9 anni fa

Calcio, Deloitte: mercato europeo cresce di un miliardo nel 2007

<p>Il bomber del Manchester United Wayne Rooney (sinistra) in uno scontro aereo con Alexandre Song dell'Arsenal in una partita di Premier League giocata ad aprile. REUTERS.</p>

MILANO (Reuters) - Il mercato calcistico europeo ha raggiunto i 13,6 miliardi di euro di ricavi nella stagione 2006/07, un miliardo in più rispetto a quella precedente, confermando la leadership finanziaria della Premier League inglese e segnando invece una battuta d'arresto per la Serie A italiana.

Lo riferisce l'ultimo "Annual review of Football Finance" di Deloitte, il rapporto annuale sulle "performance finanziarie" di squadre e federazioni calcistiche europee giunto alla sua 17esima edizione.

Guardando nel dettaglio, i ricavi complessivi delle cinque maggiori federazioni di calcio europee nella stagione 2006/07 sono cresciuti del 6%, superando per la prima volta i 7 miliardi di euro, una quota pari a più della metà del mercato europeo, scrive Deloitte.

La Premier League inglese -- che quest'anno ha dominato per la prima volta la finale di Champions -- è al primo posto al mondo per ricavi totali (partite, trasmissioni e pubblicità), pari a 2,3 miliardi di euro, nella stagione 2006/07, con un distacco rispetto alle altre federazioni di 900 milioni, destinato a salire.

La Serie A italiana, con ricavi per 1,2 miliardi di euro, la metà della Premier League, è stata superata per la prima volta dalla Bundesliga tedesca e dalla Liga spagnola da quando Deloitte ha avviato le sue analisi sul settore. I ricavi dei club tedeschi e spagnoli sono cresciuti infatti del 15%, rispettivamente a 1,4 miliardi e 1,3 miliardi di euro. Segue la Francia con 1 miliardo di euro

Tuttavia, con il ritorno della Juventus in Serie A la passata stagione, Deloitte prevede un miglioramento delle sue prossime stime per la massima divisione italiana, che tornerà in gara per il secondo posto.

Altro dato poco brillante per la Serie A è il calo delle presenze medie a meno di 20.000 nella stagione 2007/08, la media più bassa fra le cinque più grandi Federazioni europee.

Se è prima per ricavi totali, la Premier League ha però perso la leadership in termini di utili operativi, un primato conquistato dalla Bundesliga, che ha riportato un margine operativo del 18%, tre volte superiore ai club inglesi.

La "straordinaria performance finanziaria" delle squadre tedesche -- spiega però Dan Jones, partner dello sport business group di Deloitte -- "non è stata eguagliata dal successo sul campo, in contrasto con quanto successo alle squadre inglesi".

"Raggiungere un adeguato equilibrio tra la gestione finanziaria e il successo sportivo è cruciale per una Federazione per attrarre tifosi, media, sponsor e investitori", ha spiegato Jones.

I dati del 2006/2007 tengono conto anche dei ricavi derivanti dai nuovi contratti televisivi della Uefa Champions League, con un incremento dei pagamenti centralizzati ai club partecipanti di 600 milioni di euro, dei quali il 70% ricevuti dalle squadre delle cinque principali Federazioni europee.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below